Cavalieri del Rosario

8 Dicembre 2020 - 8 Dicembre 2023

III ANNO CDR 


Si informa che il sito Cavalieri del Rosario chiudera' dal 4/11/2024 per assenza di fondi; siamo grati al Signore per questo cammino e vi ringraziamo per il percorso fatto insieme. 

Ave Maria





ANNO B - DOMENICA 23 GIUGNO 2024 

XII TEMPO ORDINARIO


Parola da vivere ed approfondire dal 23 Giugno 2024 al 29 Giugno  2024


 

MAESTRO, NON TI IMPORTA DI NOI ?  (MC 4, 38) 


MC 5,40

Poi disse loro: "Perché avete paura? Non avete ancora fede?"

SCRUTATIO IN PILLOLA

2 COR 5,17 

Tanto che, se uno è in Cristo, è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate; ecco, ne sono nate di nuove.

- Ogni giorno ci accompagnerà un versetto tratto da LA VITA COME INNO ALL' AMORE (1 COR 13, 4-7) di San Paolo divisa in 15 parti perchè ci sia di ispirazione quotidiana:

15/15) L' AMORE TUTTO SOPPORTA


2) NOVITA'

O SIGNORE MANDA IL TUO SPIRITO CHE RINNOVI LA FACCIA DELLA TERRA

Di seguito alcuni passi del Vangelo, Luce per i nostri passi:

- LC 18, 18.20:

18 Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?» 20 Tu conosci i comandamenti

- MT 5, 38-48

38 Avete inteso che fu detto: Occhio per occhio e dente per dente; 39 ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi se uno ti percuote la guancia destra, tu porgigli anche l'altra; 40

 e a chi ti vuol chiamare in giudizio per toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. 41 E se uno ti costringerà a fare un miglio, tu fanne con lui due. 42 Dà a chi ti domanda e a chi desidera da te un prestito non volgere le spalle.

43 Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico; 

44 ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, 

45 perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti. 46 Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? 47 E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? 48 Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste 

-MT 6,31-34

31 Non siate dunque in ansia, dicendo: "Che mangeremo? Che berremo? Di che ci vestiremo?"

32 Perché sono i pagani che ricercano tutte queste cose; ma il Padre vostro celeste sa che avete bisogno di tutte queste cose. 

33 Cercate prima il Regno di DIO e la Sua Giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in più. 

34 Non siate dunque in ansia per il domani, perché il domani si preoccuperà di se stesso. A ciascun giorno basta la sua pena


MT 6,24

Nessuno può servire due padroni; perché o odierà l'uno e amerà l'altro, o avrà riguardo per l'uno e disprezzera' l'altro. Voi non potete servire Dio e Mammona (MT 6,24)

MT 6,22

Lampada del corpo è l'occhio. Se dunque il tuo occhio è limpido, tutto il tuo corpo sarà illuminato (MT 6,22)

- MT 6,21

La dov'è il tuo tesoro, lì sarà anche il tuo cuore (MT 6,21)

MT 7,12

Quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge e i Profeti (MT 7,12)

MT 7,21

Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli (MT 7,21)


- Si consigliano le Bellissime catechesi presenti sulla play list di you tube di Don Leonardo Maria Pompei  del libro Aldila dello spazio e del tempo di Ricardo Fernando Peres (il libro di TenerAmata). Si tratta di una rivelazione privata di una Beata del Cielo ad un fisico messicano che ha ricevuto molte conferme.


Di seguito, si riporta uno stralcio di quanto comunicato dalla beata:

Quando ti serve qualcosa, chiedilo all' Altissimo.

Se te la concede, ringrazialo; se non te la concede, ringrazialo lo stesso, perche' te l' avra' negata a vantaggio del tuo futuro celeste.

Non guardare la morte col binocolo a rovescio.

Che la Gioia ti serva per intravvedere il Cielo e la tristezza, per meglio sospirare la tua prossima Felicita'

La vita mortale si svolge come se il Creatore non esistesse, ma questo modo di pensare e' falso!!!

Il Nostro Padre Celeste e' attentissimo a ciascuno dei suoi amati figli mortali.

- SANTISSIMO NOME DI GESU'

SEMPRE SIA LODATO, BENEDETTO, AMATO, ADORATO, GLORIFICATO, IL SANTISSIMO, IL SACRATISSIMO, L' ADORATISSIMO, EPPURE INCOMPRENSIBILE, NOME DI DIO IN CIELO, IN TERRA  O NEGLI INFERI, DA TUTTE LE CREATURE USCITE DALLE MANI DI DIO. PER IL SACRO CUORE DI NOSTRO SIGNORE GESU' CRISTO NEL SANTISSIMO SACRAMENTO DELL' ALTARE. AMEN

Cuore di GESU' converti i peccatori, salva i moribondi, libera le Anime sante del Purgatorio. Amen

- IL SANTO ROSARIO E' LA NUOVA ARCA DI NOE' PER LA SALVEZZA DEL GENERE UMANO

Il Signore non lasciò alla discrezione di Noè il modo in cui dovesse edificare l' arca ma Dio ne indicò le misure precise: cento cubiti di lunghezza e cinquanta di larghezza.

La Vergine Maria rivelò al Beato Alano Della Rupe che l' arca di Noè era la prefigurazione di un' altra arca composta da 150 AVE MARIA: IL SANTISSIMO ROSARIO o meglio IL SALTERIO DI MARIA

- O MARIA, CONCEPITA SENZA PECCATO, PREGATE PER NOI CHE RICORRIAMO A VOI!  AMEN

(Preghiera dettata dalla Beata Vergine della Medaglia Miracolosa)

- «Agisci come se tutto dipendesse da te, sapendo poi che in realtà tutto dipende da Dio» 

Sant' Ignazio di Loyola

 - In ogni nostro respiro la SS Trinità ci dice TI AMO  e noi inconsapevolmente rispondiamo con il nostro scalcinato ti amo che DIO trasforma in AMORE. E' una Realtà  di AMORE incredibile che viviamo ogni istante. Ecco come ci Ama DIO. (Riflessioni tratte da una meditazione di Don Leonardo Maria Pompei su un brano del Libro di Cielo di Luisa Piccarreta)


- IL MATRIMONIO

Il Sacramento del MATRIMONIO cristallizza l' AMORE VERO che si traduce in 4 parole:

PERDONARSI SEMPRE

RISCEGLIERSI SEMPRE

Il MATRIMONIO CRISTIANO è il Viaggio, l' Avventura più spericolata, il Safari più incredibile che si può sperimentare nella Vita.

Per chi avrà ricevuto il Dono e la Vocazione del Matrimonio, con la Grazia di DIO, Buon Santo Viaggio!!!

CDR

- CINQUE vie di riconciliazione con Dio.

La prima è la condanna dei propri peccati.

La seconda è il perdono delle offese.

La terza consiste nella preghiera

La quarta nell'elemosina

La quinta nell'umiltà.

Dalle omelie di San Giovanni Crisostomo, vescovo


- 4 CONSIGLI PER ESSERE FELICI:

1) Essere orientati a Dio

2) Capire chi è Dio e chi sono io

3) Scacciare le paure malsane

4) Fare sempre il Bene alleati con il Forte

- Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, Santa Madre di Dio: non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, ma liberaci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta.

- IL DIAVOLO NON SOPPORTA CHE PREGHIAMO LE TRE AVE MARIA PER LA SALVEZZA DEI PECCATORI!!!

A Santa Gemma Galgani il demonio un giorno pieno di rabbia le disse...

Il demonio bastonava violentemente la povera Santa dicendogli: "Prega per te ma non per i peccatori!", la giovane infatti pregava spesso per le conversioni e per i peggiori peccatori perché sapeva che satana non lo sopportava.

Le 3 Ave Maria

La potenza delle 3 Ave Maria alla Madonna sono uno strumento efficace di salvezza Ella le accoglie ed esaudisce sempre questa richiesta, cooperiamo al suo progetto d'amore di salvare tutti i suoi figli!

1 Ave Maria....

{ Per la salvezza della nostra anima }

2 Ave Maria....

{Per la conversione di tutta la nostra famiglia}

3 Ave Maria.....

{ Per la conversione dei peccatori}

in paradiso la Madonna stessa vi farà conoscere il bene immenso che avete fatto con questa preghiera !

- Gesù a Catalina Rivas:

SE ALMENO UN MEMBRO DELLA FAMIGLIA RECITERÀ UN ROSARIO TUTTI I GIORNI, LA MAMMA CELESTE SALVERÀ QUELLA FAMIGLIA. QUESTA PROMESSA HA IL SIGILLO DELLA DIVINA TRINITÀ

- L' AVE MARIA CONSIGLIATA DA DON BOSCO PER IL PARADISO

Il 4 febbraio, 1861, Don Bosco andò a predicare gli Esercizi Spirituali nel Seminario di Bergamo e disse una cosa molto particolare: «In una certa occasione potei domandare a Maria Santissima la grazia di avere presso di me in Paradiso migliaia e migliaia di anime e la Madonna me ne fece promessa. Se anche voi desiderate appartenere a tal numero, io ne sono lieto, a patto che ogni giorno, per tutta la vostra vita, recitate un'Ave Maria, possibilmente nel tempo che ascolterete la Santa Messa, anzi nel momento della Consacrazione.»

- DEVOZIONE DELLE TRE AVE MARIA

Prega devotamente ogni giorno così:

Maria, Madre di Gesù e Madre mia, difendimi dal Maligno in vita e nell'ora della morte

per il Potere che ti ha concesso l'Eterno Padre

Ave, Maria...

per la Sapienza che ti ha concesso il divin Figlio.

Ave, Maria...

per l'Amore che ti ha concesso lo Spirito Santo.

Ave Maria...

Fu rivelata a Santa Matilde di Hackeborn, monaca benedettina morta nel 1298, quale mezzo sicuro per ottenere la grazia di una buona morte. La Madonna le disse: "Se vuoi ottenere questa grazia, recita tutti i giorni Tre Ave Maria, per ringraziare la SS. Trinità dei privilegi di cui mi ha arricchita.

Con la prima ringrazierai Dio Padre della Potenza che mi ha data, e in virtù di essa domanderai che io t'assista nell'ora della morte.

Con la seconda ringrazierai Dio Figlio di avermi comunicato la sua sapienza, sicchè io conosco la SS. Trinità più di tutti i Santi. Per essa mi domanderai che nell'ora della morte rischiari l'anima tua con i lumi della fede e allontani da te ogni ignoranza di errore.

Con la terza ringrazierai lo Spirito Santo di avermi talmente ricolma di amore e di bontà che dopo Dio sono la più tenera e misericordiosa. Per questa bontà incomparabile mi domanderai che nell'ora della tua morte io ti riempia l'anima tua della soavità dell'amor divino e cambi così per te in dolcezza le pene della morte.

La speciale promessa della Madonna vale per tutti, eccetto per coloro che le recitano con malizia, con l'intenzione di proseguire più tranquillamente a peccare. Qualcuno potrebbe obiettare che ci sia grande sproporzione nell'ottenere la salvezza eterna con la semplice recita giornaliera di Tre Ave Maria. Ebbene, al Congresso Mariano di Einsiedeln in Svizzera, P. Giambattista de Blois rispondeva così: "Se questo mezzo vi sembrerà sproporzionato, dovete prendervela con Dio stesso che ha concesso alla Vergine tale potere. Dio è padrone assoluto dei suoi doni. E la Vergine SS. ma, nella potenza d'intercessione risponde con generosità proporzionata al suo immenso amore di Madre".

-🌹 I sette dolori di Maria e le sue promesse 🌹

La Madre di Dio rivelò a Santa Brigida che, chiunque reciti sette "Ave Maria" al giorno meditando sui suoi dolori e sulle sue lacrime e diffonda questa devozione, godrà dei seguenti benefici:

🌹La pace in famiglia.

🌹L'illuminazione circa i misteri divini.

🌹L'accoglimento e la soddisfazione di tutte le richieste purché siano secondo la volontà di Dio e per la salvezza della sua anima.

🌹La gioia eterna in Gesù e in Maria.

1° Dolore: La rivelazione di Simeone.

...E a Te una spada trafiggera' l'anima.

Madonnina mia, già' cosi giovane mamma, ricevesti

questa terribile profezia!

Un gelo freddo le attraverso' il cuore.

Ave Maria...

2° Dolore: La fuga in Egitto.

Lasciare la propria casa, gli affetti, e fuggire in una terra

sconosciuta con mezzi di trasporto inesistenti e tra mille

pericoli. Povera Madre mia!

Ave Maria...

3° Dolore: Lo smarrimento di Gesù dodicenne nel Tempio di

Gerusalemme.

Perdere un figlio tra la folla è un grande dolore.

Perdere Gesu' è la piu' grande sventura che possa

capitare nella vita di una persona.

Ave Maria...

4° Dolore: L'incontro con Gesù sulla via del Calvario.

Povera Madre mia! Che grande dolore soffristi nel

vedere il Tuo Gesu' cosi maltrattato.

Cadute, spintoni, insulti, derisioni.....

Ave Maria...

5° Dolore: La crocifissione, la morte, la ferita al costato e

la deposizione sul Calvario.

Non c'è dolore piu' grande al mondo di quello di

assistere alla morte del proprio figlio.

Una morte cosi' cruenta, straziante e piena di

indicibili sofferenze.

Povera Madre mia, quanto devi aver sofferto!

Ave Maria...

6° Dolore: La deposizione di Gesù tra le braccia di Maria sotto la Croce.

Abbracciare il corpo del Figlio morto è per una madre

la cosa piu' terribile che possa immaginarsi.

Madre nostra perdonaci per questo scempio compiuto dagli uomini cattivi.

Ma questa è anche l'immagine della Pieta' e l'Ostia consacrata che viene offerta al Padre per la

salvezza e riconciliazione con tutti gli uomini.

Ave Maria...

7° Dolore: La sepoltura di Gesù, le lacrime, e la

solitudine di Maria.

Non vi è nulla di piu' triste nella vita che seppellire

un figlio.

Ma quel Sepolcro è anche un luogo di Resurrezione

per tutti coloro che credono in Gesu', ma anche

di morte eterna per tutti coloro che rifiutano di

riconoscerlo come Figlio di Dio.

Ave Maria...

Pater..Ave...Gloria...Eterno Riposo...( Applicabile ai defunti ).

- Il segno della Croce è un beneficio per l'anima, lo è ancora di più se fatto 33 volte la mattina prima di alzarsi e 33 volte la sera prima di coricarsi; prima e dopo i pasti, prima di lavorare o prima di iniziare una cosa importante

- Chi siamo noi per il Signore Gesù Cristo?

Dio ci ama e ci ama fino a morire per noi. Per Gesù Cristo noi valiamo più della sua vita

Qual è il passaggio che ci consente di amare veramente?

La sapienza della croce.

Non avere più paura della croce.

Un segno di morte che diventa segno di vittoria

E' il modo reale di vedere la realtà.

Quando si presenta la croce, ossia la sconfitta e il fallimento totale, quello è il momento di avere FEDE, è il momento della nuova creazione.

E' il momento in cui Dio ricrea le cose da capo.

Per questo noi amiamo poco e male, perchè abbiamo paura della croce.

Il cristiano disobbedisce alla paura della croce.

E' la vittoria della croce di Cristo.

Se disobbediamo alla paura della croce noi possiamo fare atti staordinari, superando il nulla tra noi e le cose, tra noi e gli altri, tra noi e Dio perchè fidandosi di Gesù non si perde.

La disobbedienza alla paura della croce ci rende liberi da ogni minaccia, ci rende liberi e capaci di amare.

La croce è la vita nuova

(Appunti da una catechesi di Don Fabio)

- Il cristiano oggi ha perso il senso del Peccato e la realtà di essere in guerra ogni giorno! Contro chi?

Contro il Peccato e Satana che ci vuole dividere dal nostro PAPA' CELESTE e dalla vera Felicità;

gli strumenti per il COMBATTIMENTO sono:

1) LA PREGHIERA E I SACRAMENTI

2) ODIO E DISGUSTO DEL PECCATO ANCHE VENIALE PERCHE' CI ALLONTANA DA DIO

3) VIOLENZA FEROCE VERSO IL PECCATO E SATANA

4) FUGGIRE DALLE OCCASIONI PROSSIME DI PECCATO

(Appunti da una catechesi di Fra Daniele)

Chi pecca, dice coi fatti al Signore: Va o Dio, lontano da me, io non ti voglio piu' obbedire, non ti voglio piu' servire, non ti voglio piu' riconoscere per mio Signore. Il mio Dio è quel piacere, quella vendetta, quella collera, quel discorso, quella bestemmia (San Giovanni Bosco)

 Siate sobrii e vegliate, perché il vostro avversario, il diavolo, vi gira attorno come un leone ruggente, cercando chi divorare. Resistetegli forti nella Fede, sapendo che i vostri fratelli che sono nel mondo patiscono le stesse cose (1PT 5, 8-9) 

- Il nostro cuore è vivo o morto? 

OCCORRE VEGLIARE E CUSTODIRE IL NOSTRO CUORE. 

Come? 

Con la PAROLA DI Dio che è luce per i nostri passi. 

Ma la custodia, la sentinella si apposta sulla porta principale per fare una buona guardia. 

La nostra porta principale sono i nostri 5 sensi che vanno educati e difesi. 

Il nostro cuore è come una spugna  che deve essere educato e nutrito di cose belle. 

La difesa nei momenti difficili e di tentazione,  ci è data dalla preghiera del cuore, la preghiera di Gesù: 

SIGNORE GESÙ CRISTO, FIGLIO DEL DIO VIVENTE, ABBI PIETÀ DI ME PECCATORE. 

(Spunti dalla catechesi di Fra Daniele) 

Il seme seminato in un buon terreno vuol dire colui che ascolta la Parola e vi pon mente e porta frutto e rende ora il cento ora il sessanta ora il trenta

(MT 13,23)

- Il dono del DISCERNIMENTO

Nella vita si fanno  scelte di continuo sulla base dei nostri obiettivi. 

Il nostro obiettivo è diventare santi. 

Dice il Signore: Siate santi come io sono Santo (LV 11,45)

 Ci sono due strumenti che aiutano:

L' esame di coscienza la sera. 

La guida spirituale (San Pio da Pietrelcina ne aveva due)

- SETTIMO ARTICOLO DEL CREDO: DI LA' VERRA' A GIUDICARE I VIVI E I MORTI

Ciascuno, subito dopo la morte, sarà giudicato da Gesù Cristo nel giudizio particolare.

Il settimo articolo del CREDO ci insegna che alla fine del mondo Gesù Cristo pieno di gloria e maestà verrà dal cielo per giudicare tutti gli uomini, buoni e cattivi, per dare a ciascuno il premio o la pena che avrà meritato. (N. 125 Catechismo Maggiore di San Pio X)

Saremo tutti giudicati nel giudizio universale per diverse ragioni:

1) Per la Gloria di Dio

2) Per la Gloria di Gesù Cristo

3) Per la Gloria dei Santi

4) Per la condanna dei cattivi

5) Perchè il corpo abbia con l' anima la sua sentenza di premio o di pena (N. 126 Catechismo Maggiore di San Pio X)

- UNDICESIMO ARTICOLO DEL CREDO: LA RESURREZIONE DELLA CARNE

Tutti gli uomini risusciteranno e riprenderanno il corpo che ebbero in vita.

La resurrezione di tutti i morti avverrà alla fine del mondo e allora seguirà il giudizio universale.

Gli uomini non risorgeranno tutti alla stessa maniera, perchè solo i corpi dei beati avranno a somiglianza di Gesù Cristo risorto, le doti dei corpi gloriosi che sono:

1) L' Impassibilità: per cui non potranno più essere soggetti a mali, a dolori, nè a bisogno di cibo, o di riposo

2) La Chiarezza: per cui risplenderanno come il sole

3) L' Agilità: per cui potranno passare in un momento e senza fatica da un luogo all'altro e dalla terra al cielo

4) La Sottigliezza: per cui senza ostacolo potranno penetrare qualunque corpo, come fece Gesù Cristo Risorto (Da N. 239 a N. 244 Catechismo Maggiore di San Pio X)

- DALL' EPISTOLARIO DI SAN PIO da Pietrelcina riportiamo  un suo pensiero che  farà luce al nostro cammino della giornata:

La preghiera deve essere insistente, in quanto l' insistenza denota la fede. La PREGHIERA è la migliore arma  che abbiamo: è una chiave che apre il cuore di Dio

SALMO 35 

Malizia del peccatore e bontà di Dio

1Al maestro del coro. Di Davide servo del Signore.

2Nel cuore dell'empio parla il peccato,
davanti ai suoi occhi non c'è timor di Dio.

3Poiché egli si illude con se stesso
nel ricercare la sua colpa e detestarla.
4Inique e fallaci sono le sue parole,
rifiuta di capire, di compiere il bene.
5Iniquità trama sul suo giaciglio,
si ostina su vie non buone,
via da sé non respinge il male.

6Signore, la tua grazia è nel cielo,
la tua fedeltà fino alle nubi;
7la tua giustizia è come i monti più alti,
il tuo giudizio come il grande abisso:
uomini e bestie tu salvi, Signore.

8Quanto è preziosa la tua grazia, o Dio!
Si rifugiano gli uomini all'ombra delle tue ali,
9si saziano dell'abbondanza della tua casa
e li disseti al torrente delle tue delizie.
10E' in te la sorgente della vita,
alla tua luce vediamo la luce.
11Concedi la tua grazia a chi ti conosce,
la tua giustizia ai retti di cuore.
12Non mi raggiunga il piede dei superbi,
non mi disperda la mano degli empi.
13Ecco, sono caduti i malfattori,

abbattuti, non possono rialzarsi.

3) PREGHIERE QUOTIDIANE

SABATO 29 GIUGNO  2024

IL POVERO GRIDA E DIO LO ASCOLTA (SAL 33,7) 

Simone, figlio di Giona e fratello di Andrea, primo tra i discepoli professò che Gesù era il Cristo, Figlio del Dio vivente, dal quale fu chiamato Pietro.
Paolo, Apostolo delle genti, predicò ai Giudei e ai Greci Cristo crocifisso.
Entrambi nella fede e nell'amore di Gesù Cristo annunciarono il Vangelo nella città di Roma e morirono martiri sotto l'imperatore Nerone: il primo, come dice la tradizione, crocifisso a testa in giù e sepolto in Vaticano presso la via Trionfale, il secondo trafitto con la spada e sepolto sulla via Ostiense.
In questo giorno tutto il mondo con uguale onore e venerazione celebra il loro trionfo.


PRIMA LETTURA 

Ora so veramente che il Signore mi ha strappato dalla mano di Erode.

Dagli Atti degli Apostoli
At 12,1-11

In quel tempo il re Erode cominciò a perseguitare alcuni membri della Chiesa. Fece uccidere di spada Giacomo, fratello di Giovanni. Vedendo che ciò era gradito ai Giudei, fece arrestare anche Pietro. Erano quelli i giorni degli Àzzimi. Lo fece catturare e lo gettò in carcere, consegnandolo in custodia a quattro picchetti di quattro soldati ciascuno, col proposito di farlo comparire davanti al popolo dopo la Pasqua.
Mentre Pietro dunque era tenuto in carcere, dalla Chiesa saliva incessantemente a Dio una preghiera per lui. In quella notte, quando Erode stava per farlo comparire davanti al popolo, Pietro, piantonato da due soldati e legato con due catene, stava dormendo, mentre davanti alle porte le sentinelle custodivano il carcere.
Ed ecco, gli si presentò un angelo del Signore e una luce sfolgorò nella cella. Egli toccò il fianco di Pietro, lo destò e disse: «Àlzati, in fretta!». E le catene gli caddero dalle mani. L'angelo gli disse: «Mettiti la cintura e légati i sandali». E così fece. L'angelo disse: «Metti il mantello e seguimi!». Pietro uscì e prese a seguirlo, ma non si rendeva conto che era realtà ciò che stava succedendo per opera dell'angelo: credeva invece di avere una visione.
Essi oltrepassarono il primo posto di guardia e il secondo e arrivarono alla porta di ferro che conduce in città; la porta si aprì da sé davanti a loro. Uscirono, percorsero una strada e a un tratto l'angelo si allontanò da lui.
Pietro allora, rientrato in sé, disse: «Ora so veramente che il Signore ha mandato il suo angelo e mi ha strappato dalla mano di Erode e da tutto ciò che il popolo dei Giudei si attendeva».
Parola di Dio.

SECONDA LETTURA

Ora mi resta soltanto la corona di giustizia.

Dalla seconda lettera di san Paolo apostolo a Timòteo
2Tm 4,6-8.17-18

Figlio mio, io sto già per essere versato in offerta ed è giunto il momento che io lasci questa vita. Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la corsa, ho conservato la fede.
Ora mi resta soltanto la corona di giustizia che il Signore, il giudice giusto, mi consegnerà in quel giorno; non solo a me, ma anche a tutti coloro che hanno atteso con amore la sua manifestazione.
Il Signore però mi è stato vicino e mi ha dato forza, perché io potessi portare a compimento l'annuncio del Vangelo e tutte le genti lo ascoltassero: e così fui liberato dalla bocca del leone.
Il Signore mi libererà da ogni male e mi porterà in salvo nei cieli, nel suo regno; a lui la gloria nei secoli dei secoli. Amen.

Parola di Dio.
VANGELO

Tu sei Pietro, a te darò le chiavi del regno dei cieli.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 16,13-19

In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell'uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti».
Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».
E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».

Parola del Signore.

VIVA CRISTO RE: VIA, VERITA' E VITA


In nómine Patris et Fílii et Spíritus Sancti.

Amen.


Glória Patri et Fílio et Spirítui Sancto.

Sicut erat in princípio, et nunc et semper et in sǽcula sæculórum.

Amen

San Pio invitava a recitare l' Ave Maria che fa tremare l' inferno.

Recitiamola insieme in latino:

Ave Maria,

gratia plena, Dominus tecum.

Benedicta tu in mulieribus ed benedictus fructus ventris tui, Jesus.

Sancta Maria, Mater Dei, ora pro nobis peccatoribus

nunc et in hora mortis nostrae.

Amen!

LIBERTA' !!!

VIVA CRISTO RE !!!


Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. (Mt 16,18)

"Nulla ti turbi, nulla ti spaventi. Tutto passa, solo Dio non cambia. La pazienza ottiene tutto. Chi ha Dio non manca di nulla: solo Dio basta! Il tuo desiderio sia vedere Dio, il tuo timore, perderlo, il tuo dolore, non possederlo, la tua gioia sia ciò che può portarti verso di lui e vivrai in una grande pace" (Santa Teresa d'Avila).


Per salvarsi non è necessario andare tra gli infedeli a dare la vita; non occorre ritirarsi nei deserti a cibarsi di erbe. Che ci vuole a dire:


DIO MIO AIUTAMI! 

SIGNORE ASSISTIMI, ABBI PIETA' DI ME!

MARIA SANTISSIMA, SOCCORRIMI!


(Sant' Alfonso Maria De Liguori - Conversare con Dio - Il gran mezzo della Preghiera)


Preghiera Ave Giuseppe originale che è stata scritta da San Luigi Maria Grignion de Montfort:

Ave, Giuseppe, uomo giusto, la Sapienza è con te. Tu sei benedetto fra tutti gli uomini e benedetto è il frutto di Maria tua Sposa fedele, Gesù. San Giuseppe, degno padre putativo di Gesù, prega per noi peccatori e ottienici la divina Sapienza, adesso e nell'ora della nostra morte. Amen!

Preghiera a San Michele

San Michele, Arcangelo, difendeteci nella lotta. Siate il nostro soccorso contro la malizia e le insidie del demonio. Che Dio lo comandi, noi ve ne supplichiamo. E voi, Principe della Milizia celeste, per la virtù divina, ricacciate nell'inferno Satana e gli altri spiriti maligni che sono sparsi nel mondo in vista di perdere le anime. Amen (Papa Leone XIII)

SUPPLICA DI ESTER (Bibbia Cei 1974 Dal Libro di Ester Capitolo 4, 17k -17z)

17k Anche la regina Ester cercò rifugio presso il Signore, presa da un'angoscia mortale. Si tolse le vesti di lusso e indossò gli abiti di miseria e di lutto; invece dei superbi profumi si riempì la testa di ceneri e di immondizie. Umiliò molto il suo corpo e con i capelli sconvolti si muoveva dove prima era abituata agli ornamenti festivi. Poi supplicò il Signore e disse:

17l «Mio Signore, nostro re, tu sei l'unico! Vieni in aiuto a me che sono sola e non ho altro soccorso se non te, perché un grande pericolo mi sovrasta.

17m Io ho sentito fin dalla mia nascita, in seno alla mia famiglia, che tu, Signore, hai scelto Israele da tutte le nazioni e i nostri padri da tutti i loro antenati come tua eterna eredità, e hai fatto loro secondo quanto avevi promesso.

17n Ora abbiamo peccato contro di te e ci hai messi nelle mani dei nostri nemici, per aver noi dato gloria ai loro dei. Tu sei giusto, Signore!

17o Ma ora non si sono accontentati dell'amarezza della nostra schiavitù, hanno anche posto le mani sulle mani dei loro idoli, giurando di abolire l'oracolo della tua bocca, di sterminare la tua eredità, di chiudere la bocca di quelli che ti lodano e spegnere la gloria del tuo tempio e il tuo altare,

17p di aprire invece la bocca delle nazioni a lodare gli idoli vani e a proclamare per sempre la propria ammirazione per un re di carne.

17q Non consegnare, Signore, il tuo scettro a dei che neppure esistono. Non abbiano a ridere della nostra caduta; ma volgi contro di loro questi loro progetti e colpisci con un castigo esemplare il primo dei nostri persecutori.

17r Ricordati, Signore; manifèstati nel giorno della nostra afflizione e a me dà coraggio, o re degli dei e signore di ogni autorità.

17s Metti nella mia bocca una parola ben misurata di fronte al leone e volgi il suo cuore all'odio contro colui che ci combatte, allo sterminio di lui e di coloro che sono d'accordo con lui.

17t Quanto a noi, salvaci con la tua mano e vieni in mio aiuto, perché sono sola e non ho altri che te, Signore!

17u Tu hai conoscenza di tutto e sai che io odio la gloria degli empi e detesto il letto dei non circoncisi e di qualunque straniero.

17v Tu sai che mi trovo nella necessità, che detesto l'emblema della mia fastosa posizione che cinge il mio capo nei giorni in cui devo fare comparsa; lo detesto come un panno immondo e non lo porto nei giorni in cui mi tengo appartata.

17x La tua serva non ha mangiato alla tavola di Amàn né ha onorato il banchetto del re né bevuto il vino delle libazioni.

17y La tua serva da quando ha cambiato condizione fino ad oggi, non ha gioito di nulla, se non di te, Signore, Dio di Abramo.

17z Dio, che su tutti eserciti la forza, ascolta la voce dei disperati e liberaci dalla mano dei malvagi; libera me dalla mia angoscia!». AMEN

DAL LIBRO DEL PROFETA DANIELE

Capitolo 9, 3-5; 11-19

3 Volsi perciò la mia faccia verso Dio, il Signore, per dispormi alla preghiera e alle suppliche, con digiuno, con sacco e cenere. 4 Feci la mia preghiera e la mia confessione al SIGNORE mio Dio, e dissi:"O Signore, Dio grande e tremendo, che mantieni il patto e serbi la misericordia verso quelli che ti amano e osservano i tuoi comandamenti!

5 Noi abbiamo peccato, ci siamo comportati iniquamente, abbiamo operato malvagiamente, ci siamo ribellati e ci siamo allontanati dai tuoi comandamenti e dalle tue prescrizioni.

11 Sì, tutto Israele ha trasgredito la tua legge, si è sviato per non ubbidire alla tua voce. Così su di noi sono riversate le maledizioni e le imprecazioni che sono scritte nella legge di Mosè, servo di Dio, perché noi abbiamo peccato contro di lui.

12 Egli ha messo in pratica le parole che aveva pronunciate contro di noi e contro i nostri governanti, facendo venire su di noi un male così grande, che sotto il cielo non è mai accaduto nulla di simile a quello che è stato fatto a Gerusalemme.

13 Come sta scritto nella legge di Mosè, questo disastro ci è piombato addosso; tuttavia, non abbiamo implorato il favore del SIGNORE, del nostro Dio. Non ci siamo ritirati dalla nostra iniquità e non siamo stati attenti alla sua verità.

14 Il SIGNORE ha vigilato su questa calamità e ce l'ha fatta venire addosso; perché il SIGNORE, il nostro Dio, è giusto in tutto quello che ha fatto, ma noi non abbiamo ubbidito alla sua voce.

15 Ora, o Signore nostro Dio, che conducesti il tuo popolo fuori dal paese d'Egitto con mano potente e ti facesti una fama che hai ancora oggi, noi abbiamo peccato e abbiamo agito malvagiamente.

16 O Signore, per tutti i tuoi atti di giustizia, ti prego, fa' che la tua ira e il tuo sdegno si ritirino dalla tua città, Gerusalemme, dal tuo monte santo; poiché per i nostri peccati e per le iniquità dei nostri padri, Gerusalemme e il tuo popolo sono esposti al disprezzo di tutti quelli che ci stanno intorno.

17 Ora, o Dio nostro, ascolta la preghiera e le suppliche del tuo servo; per amor tuo, Signore, fa' risplendere il tuo volto sul tuo santuario che è desolato!

18 O mio Dio, inclina il tuo orecchio e ascolta! Apri gli occhi e guarda le nostre desolazioni, guarda la città sulla quale è invocato il tuo nome; poiché non ti supplichiamo fondandoci sulla nostra giustizia, ma sulla tua grande misericordia.

19 Signore, ascolta! Signore, perdona! Signore, guarda e agisci senza indugio per amore di te stesso, o mio Dio, perché il tuo nome è invocato sulla tua città e sul tuo popolo".

ESTER 4, 17a-17h

LA PREGHIERA DI MARDOCHEO

17a Poi pregò il Signore, ricordando tutte le sue gesta, e disse:

17b «Signore, Signore re, sovrano dell'universo, tutte le cose sono sottoposte al tuo potere e nessuno può opporsi a te nella tua volontà di salvare Israele.

17c Tu hai fatto il cielo e la terra e tutte le meraviglie che si trovano sotto il firmamento. Tu sei il Signore di tutte le cose e nessuno può resistere a te, Signore.

17d Tu conosci tutto; tu sai, Signore, che non per orgoglio, non per superbia né per vanagloria ho fatto il gesto di non prostrarmi davanti al superbo Amàn, perché avrei anche baciato la pianta dei suoi piedi per la salvezza d'Israele.

17e Ma ho fatto ciò per non porre la gloria di un uomo al di sopra della gloria di Dio; non mi prostrerò mai davanti a nessuno se non davanti a te, che sei il mio Signore, e non farò così per superbia.

17f Ora, Signore Dio, Re, Dio di Abramo, risparmia il tuo popolo! Perché mirano a distruggerci e bramano di far perire quella che è la tua eredità dai tempi antichi.

17g Non trascurare la porzione che per te stesso hai liberato dal paese d'Egitto. 17h Ascolta la mia preghiera e sii propizio alla tua eredità; cambia il nostro lutto in gioia, perché vivi possiamo cantare inni al tuo nome, Signore, e non lasciare scomparire la bocca di quelli che ti lodano».

LANTERNA QUOTIDIANA:

Qual è l' occasione per Amare qualcuno? Quando non se lo merita.

Se non io, chi?

Se non ora, quando?

Se non qui, dove?

Nel momento della tentazione, rispondiamo cosi':

NO, io appartengo al SIGNORE! Io appartengo a Colui che ha dato la vita per me.

La Preghiera è un incontro con l' AMORE, è un incontro d' Amore con la persona amata!

Dio ci parla nel silenzio e nella preghiera; nel momento delle scelte, mettendosi davanti a Gesù crocifisso, in mancanza di una guida spirituale che è un dono divino, quella cosa che ci costa, ma ci dà pace viene dal Signore; quella invece facile che ci turba, viene da Satana.

Noi siamo chiamati al Cielo! La nostra Patria è il PARADISO con la SANTISSIMA TRINITA' (che è Padre, Figlio e Spirito Santo), Maria, gli Angeli e tutti i Santi!

Ci sono dei momenti che anche qui sulla terra viviamo sprazzi di Cielo e allora diciamo che sembra il Paradiso e vorremmo che non finissero mai, quei momenti.

I problemi vanno relativizzati; su questa terra i conti non tornano.

L' OGGI è il tempo del combattimento contro i veri memici dell' umanità:

- Satana

- Il Mondo

- La Carne (E' un combattimento interiore che si ha quando vogliamo togliere la consonante D dalla nostra vita per far vivere da solo l' IO anzichè farlo vivere con DIO)

GESU' si è incarnato per farci vedere qual è il senso della vita perchè noi siamo chiamati alla Bellezza Vera!

GESU' ci ha mostrato la Via, la Verità e la Vita; senza GESU', se non viviamo con lo Spirito di Gesù, non c' è salvezza, non c'è vera FELICITA' !

Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla (GV 15,5)

Spesso viviamo senza considerare il nostro unico vero obiettivo.

La Vita è il Ponte verso il Cielo.

Costruiremmo mai la nostra casa su un ponte?

Signore, aiutaci a vivere come il Santo della Gioia, San Filippo Neri seguendo alcuni suoi detti:

- Non fate i maestri di spirito, e non pensate di convertire gli altri; ma pensate a regolare prima voi stessi

- Scrupoli e malinconia, fuori di casa mia

- Siate umili e state bassi

- Non è tempo di dormire perchè il Paradiso non è fatto per i poltroni

- Preferisco il Paradiso

Ci aspetta il PARADISO che è la FELICITA' INFINITA e non a sprazzi !

Come diceva San Francesco:

"TANTO E' IL BENE CHE MI ASPETTO CHE OGNI PENA MI E' DILETTO!"

Oggi è il tempo di combattere con le vere armi di cui tutti possiamo disporre:

Preghiera; Sacramenti; Digiuno (dalle cose di questo mondo); Povertà (Vivere ringraziando sempre DIO per quello che ci dà)

Ma la Preghiera, i Sacramenti, il Rosario perdono di significato se non ci aiutano ad amare Dio e il prossimo.

La vita spirituale è fidarsi di Dio e non delle nostre forze!

Nei momenti di angoscia più profonda e di aridità spirituale in cui ci sentiamo soli ed abbandonati, quelli sono proprio i tempi in cui dobbiamo pregare di più, come ha fatto GESU' nell' orto degli ulivi: "ENTRATO NELLA LOTTA, PREGAVA PIU' INTENSAMENTE" (LC 22, 44)

Sappiate soffrire tutto cristianamente e non temete, che nessuna sofferenza, per quanto basso ne sia il suo motivo, resterà senza merito per la vita eterna (San Pio)

Ogni impedimento è un giovamento (Luigina Sinapi, serva di Dio)

Portate con gioia la croce: troverete in essa la forza vittoriosa contro la quale non potrà resistere nessun vostro nemico e gusterete una dolcezza incantevole e senza pari. Sì, fratelli. Sappiate che il vero paradiso terrestre sta nel soffrire qualcosa per Gesù Cristo. Credete a Dio, cari fratelli. Quando si soffre con gioia per Dio, al dire dello Spirito Santo, la croce diventa «perfetta letizia» per tutti.

Traete profitto dalle piccole croci più che dalle grandi. Dio non considera tanto la sofferenza in se stessa quanto il modo con il quale viene accettata. Soffrire molto o poco ma soffrire per Iddio, è soffrire da santi. Ricavate profitto da tutto; non lasciate perdere neppure la minima parte della croce, non fosse che una puntura di spillo, una piccola scortesia del vicino, un'insignificante e involontaria offesa ricevuta, la perdita di pochi spiccioli, un lieve turbamento dell'anima, una momentanea stanchezza del corpo, un leggero malanno fisico ecc. Anche di fronte alle piccolissime avversità dite: «Dio sia benedetto. Signore, ti ringrazio». Poi nascondete la croce accettata nella memoria di Dio e ricordatevene solo per dire Grazie oppure Misericordia! (Dalle Lettere agli "Amici della Croce"di san Luigi di Montfort)

Finché saremo agnelli, vinceremo e, anche se saremo circondati da numerosi lupi, riusciremo a superarli. Ma se diventeremo lupi, saremo sconfitti, perché saremo privi dell'aiuto del pastore. Egli non pasce lupi, ma agnelli. Per questo se ne andrà e ti lascerà solo, perché gli impedisci di manifestare la sua potenza. È come se Cristo avesse detto: Non turbatevi per il fatto che, mandandovi tra i lupi, io vi ordino di essere come agnelli e colombe. Avrei potuto dirvi il contrario e risparmiarvi ogni sofferenza, impedirvi di essere esposti come agnelli ai lupi e rendervi più forti dei leoni. Ma è necessario che avvenga così, poiché questo vi rende più gloriosi e manifesta la mia potenza. La stessa cosa diceva a Paolo: «Ti basta la mia grazia, perché la mia potenza si manifesti pienamente nella debolezza» (2 Cor 12, 9). Cristo conosce meglio di ogni altro la natura delle cose. Sa bene che la violenza non si arrende alla violenza, ma alla mansuetudine (Dalle omelie di San Giovanni Crisostomo)

Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita (MT 11,29).

Di tutti i demoni, quello che cattura di più gli uomini e ci impedisce di essere felici è quello di "Cosa avrebbe potuto essere e cosa non è stato".

Il passato è lasciato alla misericordia di Dio e il futuro alla sua Provvidenza.

Solo il presente è nelle nostre mani.

Viviamo l'oggi!

NON E' MIA QUESTA VITA CHE STA EVOLVENDOSI, RITMATA DA UN REGOLARE RESPIRO CHE NON E' MIO, ALLIETATA DA UNA SERENA GIORNATA CHE NON E' MIA.

NON C'E' NULLA A QUESTO MONDO CHE SIA TUO.

SANDRA, RENDITENE CONTO!

E' TUTTO UN DONO SU CUI IL "DONATORE" PUO' INTERVENIRE QUANDO E COME VUOLE.

ABBI CURA DEL REGALO FATTOTI, RENDILO PIU' BELLO E PIENO PER QUANDO SARA' L' ORA.

(BEATA SANDRA SABATTINI)

Ciò che conta è l' Amore!

Il servizio dei poveri deve essere preferito a tutto. Non ci devono essere ritardi. Se nell'ora dell'orazione avete da portare una medicina o un soccorso a un povero, andatevi tranquillamente. Offrite a Dio la vostra azione, unendovi l'intenzione dell'orazione. Non dovete preoccuparvi e credere di aver mancato, se per il servizio dei poveri avete lasciato l'orazione. Non è lasciare Dio, quando si lascia Dio per Iddio, ossia un'opera di Dio per farne un'altra. Se lasciate l'orazione per assistere un povero, sappiate che far questo è servire Dio. La carità è superiore a tutte le regole, e tutto deve riferirsi ad essa. È una grande signora: bisogna fare ciò che comanda. Tutti quelli che ameranno i poveri in vita non avranno alcun timore della morte. Serviamo dunque con rinnovato amore i poveri e cerchiamo i più abbandonati. Essi sono i nostri signori e padroni (San Vincenzo De Paoli)

Oggi tutti parlano di AMORE che si confonde

con il sentimento TI VOGLIO BENE.

Ma il TI VOGLIO BENE si ferma davanti alla croce e non è disposto a dare la vita per l'altro.

Gesù chiede a San Pietro per 3 volte: mi ami tu? E San Pietro risponde: lo sai che ti voglio bene.

In quel momento San Pietro esprime un' emozione forte e di stima profonda verso Gesù, ma non è AMORE.

San Pietro vivrà la differenza tra il voler bene e l' AMORE quando darà la propria vita sulla croce per AMORE.

Si entra in Chiesa per lodare il Signore

Si esce dalla Chiesa per amare il prossimo

La vita con Gesù non è più semplice

La vita con Gesù è più bella!

Gesù è venuto per donarci la felicità già su questa terra e noi, collaborando con Dio per la costruzione del Regno, ne assaporiamo già la dolcezza, per goderla poi per l'eternità!

Dio ci benedica

A Gesù per Giuseppe e Maria

Amen

CDR

Pater noster qui es in caelis, santificetur nomen tuum, adveniat regnum tuum, fiat voluntas tua, sicut in caelo et in terra. Panem nostrum quotidianum da nobis hodie, et dimitte nobis debita nostra, sicut et nos dimittimus debitoribus nostris, et ne nos inducas in tentationem, sed libera nos a malo

Amen


- Le borracce dei Cavalieri del Rosario:

https://www.cavalieridelrosario.com/le-borracce-dei-cavalieri-del-rosario/


- Dal canale amico youtube, PREFERIAMO IL PARADISO, vi invitiamo a Il Caffè con la Bibbia e molto altro:

https://www.youtube.com/channel/UCrqOCN9HXlA-F1qjc1E3P3g/


- L' IMPORTANZA CAPITALE DELLA PUREZZA di Don Leonardo Maria Pompei:

https://www.youtube.com/watch?v=ETCafe-Vd3g


- BREZZA LEGGERA:

https://www.cavalieridelrosario.com/brezza-leggera/


- IL SEGRETO DELLA FELICITA' :

https://www.youtube.com/watch?v=9kaqGlfG3XU&list=PLqMZ45-URPGgHuaynYMfV4ASpTjTLFS_0&index=2


- Donami un Cuore che prega:

https://www.youtube.com/watch?v=RkFZOolMnMk


4) PREGHIERA SERALE RIPARATRICE

Una povera Clarissa morta da poco tempo, apparve alla sua Superiora che pregava per lei e le disse: "Sono andata subito in Paradiso, perchè recitando OGNI SERA questa preghiera ho pagato i miei debiti e sono stata preservata dal Purgatorio".


ETERNO PADRE, PER LE MANI DI MARIA ADDOLORATA, TI OFFRO IL SACRO CUORE DI GESU' CON TUTTO IL SUO AMORE, CON TUTTE LE SUE SOFFERENZE E CON TUTTI I SUOI MERITI:

PER ESPIARE TUTTI I PECCATI CHE HO COMMESSO QUEST' OGGI E DURANTE TUTTA LA MIA VITA PASSATA; GLORIA AL PADRE...


ETERNO PADRE, PER LE MANI DI MARIA ADDOLORATA, TI OFFRO IL SACRO CUORE DI GESU' CON TUTTO IL SUO AMORE, CON TUTTE LE SUE SOFFERENZE E CON TUTTI I SUOI MERITI:

PER PURIFICARE IL BENE CHE HO MAL FATTO QUEST' OGGI E DURANTE TUTTA LA MIA VITA PASSATA; GLORIA AL PADRE...


ETERNO PADRE, PER LE MANI DI MARIA ADDOLORATA, TI OFFRO IL SACRO CUORE DI GESU' CON TUTTO IL SUO AMORE, CON TUTTE LE SUE SOFFERENZE E CON TUTTI I SUOI MERITI:

PER SUPPLIRE AL BENE CHE HO TRASCURATO DI FARE QUEST'OGGI E DURANTE TUTTA LA MIA VITA PASSATA; GLORIA AL PADRE...

__________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________________________________________

5) LA VETRINA DEL SITO CDR:

Nel Menu del sito ci sono molte pagine da sfogliare.

Di seguito ne evidenziamo alcune:

- IN PRIMO PIANO (la pagina delle intenzioni di preghiere che ci potrete inviare tramite Messenger di FB o Mail) che trovate nel Menù.

- Almanacco del Giorno; Prossimi Eventi; Chi siamo; Attività (le trovate tutte nel Menù)

- Preghiere a San Giuseppe:

https://www.cavalieridelrosario.com/preghiere-a-san-giuseppe/;


- Sacramento del Matrimonio:

https://www.cavalieridelrosario.com/sacramento-del-matrimonio/


- I Tre Punti Bianchi:

https://www.cavalieridelrosario.com/i-tre-punti-bianchi/


- Le bisacce dei Cavalieri del Rosario:

https://www.cavalieridelrosario.com/le-bisacce-dei-cavalieri-del-rosario/


- La sella dei Cavalieri del Rosario:

https://www.cavalieridelrosario.com/la-sella-dei-cavalieri-del-rosario/


- I Dipinti di Dio: LA TEMPESTA CALMATA:

https://www.cavalieridelrosario.com/i-dipinti-di-dio/


- Frammenti di luce :

https://www.cavalieridelrosario.com/frammenti-di-luce/


- La Vita Come inno all' Amore:

https://www.cavalieridelrosario.com/la-vita-come-inno-all-amore-1cor13/


- Piccolo Focus sul Vangelo:

https://www.cavalieridelrosario.com/piccolo-focus-sul-vangelo-di-oggi/


- ESODO DAL PECCATO:

https://www.cavalieridelrosario.com/percorso-quaresimale-esodo-dal-peccato/


- VIA CRUCIS:

https://www.youtube.com/watch?v=Xc9SUdc0xTw


https://www.cavalieridelrosario.com/via-crucis/


- LE GRANDI PROMESSE: I PRIMI 5 SABATI DEL MESE:

https://www.cavalieridelrosario.com/le-grandi-promesse-i-primi-5-sabato-del-mese/


- LE GRANDI PROMESSE: I PRIMI 9 VENERDI DEL MESE:

https://www.cavalieridelrosario.com/le-grandi-promesse-i-primi-nove-venerdi-del-mese/


- NOVENA ALLA B. MARIA VERGINE DI LOURDES:

https://www.cavalieridelrosario.com/novena-alla-madonna-di-lourdes/


- NOVENA ALLA VERGINE DELLA RIVELAZIONE:

https://www.cavalieridelrosario.com/novena-alla-vergine-della-rivelazione/


- NOVENA ALLA MADONNA DI FATIMA:

https://www.cavalieridelrosario.com/novena-alla-madonna-di-fatima/


- I Viaggi dei CDR:

https://www.cavalieridelrosario.com/i-viaggi-dei-cdr/


- Vuoi aiutarci? https://www.cavalieridelrosario.com/listino-prezzi/





DIO CI BENEDICA. 
A GESU', PER GIUSEPPE E MARIA. AMEN